Con un secco 2-0 l’Avellino liquida una minacciosa Paganese.

Con un secco 2-0 l’Avellino liquida una minacciosa Paganese.

Marzo 7, 2022 Off Di Antonio Mondo

Con un secco 2-0 l’Avellino liquida una minacciosa Paganese, al “Torre “, guadagnando tre punti pesantissimi che saranno utili per rincorrere un fortunatissimo Bari, (che ancora una volta ha vinto al 93esimo), o in alternativa per mirare al miglior piazzamento per la lotteria dei play-off, visto che il Catanzaro ha perduto l’imbattibilità, col nuovo allenatore Vivarini, in quel di Monopoli.

Carmine Gautieri, il nuovo coach, che ha sostituito Braglia, era raggiante a fine gara, perché la sua squadra sta assimilando le sue teorie calcistiche che esprimono atteggiamenti e mentalità secondo il suo credo.

“ Siamo entrati in campo con il piglio giusto – ci ha riferito nel post partita – ed i ragazzi hanno mostrato di aver assimilato i nuovi metodi tattici. Dobbiamo ancora migliorare nella fase di non possesso, ma soprattutto recuperare fisicamente e mentalmente giocatori che mostrano la corda, dopo che hanno tirato la carretta dall’inizio di campionato. Mi riferisco ai vari Tito, Kanoute, Aloi e Carriero. Anche il tedesco Kragl ha bisogno ancora di un certo periodo per guadagnare l’autonomia fisica e i 90 minuti nelle gambe visto che non giocava una partita da 8 mesi.

Il secondo gol, proprio quello messo a segno da Kragl, è stato un gioiello di forza e tecnica ed ha avuto un valore notevole perché ha chiuso i giochi ed ha stroncato ogni velleità da parte degli avversari. La sua seconda rete, dopo quella rifilata alla Fidelis Andria, è un ottimo viatico per questo giocatore che mostra di essere di serie superiore, ma che manca, per il momento, facilità di corsa e tenuta atletica.

Il prossimo impegno per l’Avellino sarà ancora più severo del derby con la Paganese, difatti si profila l’incontro col Palermo, nobile decaduta, una squadra di grande caratura che mostra, specialmente fuori casa, la capacità di capovolgere a suo favore le sorti delle partite.

Gautieri ha una settimana intera per dedicarsi ai suoi ragazzi nella fondata speranza di pote anche superare l’ostacolo dei siciliani. In difesa mancheranno ancora Silvestri e Bove, appiedati dal Giudice Sportivo, ma l’allenatore saprà aggiustare la retroguardia per contrastare validamente le punte palermitane.