Il Covid non lascia l’Avellino

Il Covid non lascia l’Avellino

Gennaio 22, 2022 Off Di Antonio Mondo

La “vacatio” Covid ha lasciato degli strascichi in seno all’U.S. Avellino che è alle prese con 5 infettati e quindi al momento è problematico mettere su una formazione da mandare in campo che possa contrastare il Monopoli, domenica 23 al Partenio.

La squadra pugliese, seconda forza del campionato, è un avversario temibile che non si preclude nessuna obiettivo.

Dalla campagna di rafforzamento, a tutt’oggi, non c’è ancora nessuna novità. Si viaggia alla giornata, a tentoni, anche perchè tutti i profili contattati sono svaniti nel nulla di fatto.

Si è, come è noto, alla ricerca di una punta di qualità per guarire dalla sterilità dell’attacco.

Salvatore Di Somma, direttore sportivo bianco-verde non si nasconde le difficoltà del mercato, per mancanza di liquidità delle società. “Stiamo cercando giocatori dal profilo adatto al nostro gioco ed i vari giocatori contattati aspettano di sistemarsi nella serie cadetta – queste le parole del DS- Nessuno vuole scendere di categoria, dobbiamo aspettare la fine del mese per combinare qualche affare con i saldi.”

L’Avellino ha anche necessità di liberarsi di alcuni giocatori della rosa pletorica per liberare dei posti. Le buone intenzioni di rivedere subito la chimica della squadra sono praticamente naufragate. I tanti nomi messi sulla bocca dei tifosi sono spariti dalla sera alla mattina.. Come avevamo anticipato sul nostro giornale non ci siamo fatti irretire dalle notizie e dalla voci ma abbiamo aspettato giustamente l’andamento di questo pazzo mercato.

Dopo aver perso Iammello, andato a Catanzaro, si parla con insistenza di Murano, una punta del Perugia, un trentunenne da mettere alle dipendenze di Braglia che ha molti problemi di formazione.