MASSIMO RASTELLI  IL  NUOVO TECNICO DELL’AVELLINO

MASSIMO RASTELLI IL NUOVO TECNICO DELL’AVELLINO

Ottobre 20, 2022 Off Di Antonio Mondo

L’Avellino nel caos. Non è bastato l’allontanamento del tecnico Taurino per cambiare la brutta realtà delle sconfitte in serie. Anche a Viterbo siamo stati ridicolizzati da una squadra che non ancora aveva vinto una partita. Sono cinque le sconfitte fuori casa e il malcapitato Biancolino, allenatore della Primavera, chiamato al capezzale degli esangui lupi, non è riuscito ad evitare l’ennesimo tracollo.

La società, correa al disfacimento, non è riuscita a porre un argine al precipizio della squadra, che, orrore, si trova in piena zona retrocessione, ad onta dei proclami di “grandeur” propalati dalla famiglia D’Agostino nella manifestazione del 23 luglio.

Col morale sotto la scarpe e una tifoseria inferocita la società bianco-verde tenta la scalata con Massimo Rastelli, il messia, che dopo 7 anni si accomoda in panchina per risollevare le sorti della squadra..

Il nuovo tecnico. Che porterà con sé almeno atri quattro componenti, ha posto delle condizioni alle quali la società dovrà sottoscrivere: un contratto di 2 anni e mezzo; Un ingaggio oneroso che dovrà sostenere i mancati stipendi dal Pordenone, che frattanto percepiva; l’operazione sul mercato di gennaio per gettare le basi per una prima correzione dell’organico.

L’assunzione è stata imposta dal D.S. De Vito che ha minacciato di dimettersi se non si assumesse il tecnico di Pompei.

La società ha fatto buon viso e cattivo gioco per l’esborso gravoso che dovrà sostenere, e non sappiamo quale sarà l’esito dell’operazione rilancio visto che i giocatori attuali non garantiscono né agonismo, né fasi di gioco brillanti.

Certo il lavoro di Rastelli non sarà agevole per le numerose incongruenze tecniche che si profilano tra vecchi e nuovi giocatori e quindi la strada da percorrere sarà lastricata da mille difficoltà. Ma per la stima che si è guadagnato in precedenza ad Avellino e in Irpinia, noi assicuriamo la nostra collaborazione mediatica nella prospettiva che tutti i problemi si possano appianare col lavoro e la visione oculata del nuovo tecnico fin dalla prossima trasferta a Francavilla e soprattutto la partita al Partenio con la capolista Catanzaro.