ORA SI FA SUL SERIO: SIAMO NEI PLAY- OFF

ORA SI FA SUL SERIO: SIAMO NEI PLAY- OFF

Dicembre 12, 2022 Off Di Antonio Mondo

L’Avellino rivitalizzato da Rastelli supera, con un gol di Gambale, una volitiva Fidelis Andria dell’ex Doudou, giocatore dell’Avellino, ed ora promosso allenatore della squadra pugliese.

Quella di ieri è stata una gara noiosa e la vittoria, se pure meritata per il grande volume di gioco degli irpini, non è stata agevole, perché gli avversari hanno premuto sull’acceleratore non permettendo al nuovo Avellino di Rastelli di primeggiare ,come era successo a Torre del Greco l’altra domenica.

Una regressione nel gioco dovuto probabilmente alla rinuncia forzata di tre giocatori, alle prese con l’influenza alla vigilia della gara, e i sostituti, pur non demeritando, non hanno conferito quell’autorità tecnica dei titolari.

Quella contro l’Andria è stata una gara nervosa, con poco costrutto, una manovra lenta e tanta frenesia, dove i vari Trotta e il ripescato Murano hanno sprecato qualche occasione per arrotondare il vantaggio, propiziato da Gambale, che si segnala sempre più come uomo da area di rigore.

L’artefice principale della nuova stagione dall’Avellino è, manco a dirlo, Massimo Rastelli a cui non mancano serietà, applicazione e carisma. Il suo credo e nell’affidabilità dei giovani, tant’è che i vari Moretti, Auriletto, Gambale, Geretto, Maisto, già accantonati dal precedente allenatore, oggi sono in pianta stabile in squadra, a fronte dei vari “senatori” di cui alcuni dovranno partire per altri lidi.

E’ stata la rivoluzione voluta dal nuovo allenatore, autentico aziendalista e fautore di una felice prospettiva, che ha generato il miracolo di portare l’Avellino, in quindici giorni, dai play- out al novero delle squadre per i play-off.

Domenica c’è la trasferta a Monterosi, ultima partita del girone di andata e certamente l’Avellino si batterà con tutte le proprie forze per confermare le rinnovate ambizioni, anche per vendicare la sconfitta dello scorso anno, che segnò il ridimensionamento di tutte le più rosee aspettative.